Factoring

Vota questo articolo
(5 Voti)
Factoring - 5.0 di 5 basato su 5 voti

Il factoring, uno strumento finanziario moderno per la gestione professionale dei crediti.

Il factoring è un contratto con il quale un soggetto (la società di factoring) fornisce ad un'impresa un insieme di servizi che riguardano:

  • La gestione e l'amministrazione dei suoi crediti (anche quelli futuri); 
  • L'incasso dei crediti; 
  • La concessione di anticipazioni su tali crediti prima della scadenza.

Dunque la società di factoring, dietro pagamento di una commissione, si assume l'onere di riscuotere l'importo dei crediti, e spesso fornisce finanziamenti all'impresa cliente sotto forma di anticipazioni sui crediti non ancora scaduti.

I vantaggi del factoring.

  • Trasformazione immediata dei crediti non ancora scaduti in risorse liquide; 
  • Ottimizzazione dei flussi di cassa; 
  • Minimizzazione dei rischi di mancato pagamento e dei costi amministrativi relativi al portafoglio crediti;
  • Miglioramento delle relazioni con la propria clientel.


Le spese.
I costi di un'operazione di factoring consistono in una commissione di factoring, espressa in valore percentuale rispetto alla fattura, in un diritto fisso, per ogni credito ceduto, a titolo di rimborso spese (per spese di istruttoria, tenuta conto, postali, etc.) e negli intereressi maturati sulle somme anticipate.

Aspetti economici e fiscali.
La cessione dei crediti può avvenire con le clausole pro soluto o pro solvendo.
Con la prima la società di factoring si assume il rischio di mancato pagamento anche nel caso d'insolvenza del debitore, viceversa con la clausola pro solvendo.
Dal punto di vista fiscale, in termini generali, assume rilevanza la perdita che consegue alla cessione del credito fermo restando la verifica del momento in cui la predetta perdita potrà essere considerata deducibile.
Rispetto al fido bancario, dove il credito erogato alla società dipende dalla situazione patrimoniale e dalle garanzie offerte, nel factoring l'entità del credito è proporzionale all'importo dei crediti vantati dall'impresa.
Il compenso pagato alla società di factoring, in presenza di determinate condizioni, è sottoposto ad aliquota Iva ordinaria; gli interessi pagati sugli anticipi sono invece esenti.
Dovrà essere valutata la deducibilità fiscale degli interessi passivi corrisposti al factor, tenuto conto delle disposizioni fiscali in vigore.

Letto 493 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Fideiussioni servizio clienti

Fill out my online form.

Fideiussioni